Come scrivere un articolo ed essere primi su Google


Tutti i blogger, prima di creare il loro sito web, si sono posti questa domanda: “Come scrivere un articolo ed essere primi su Google?”. Sì, in effetti, se hai deciso di creare un blog devi avere le idee chiare sin da subito. Come dice un vecchio proverbio, “Chi parte male finisce peggio”. Essere un blogger non è cosa da poco. Scrivere un articolo perfetto è tutt’altro che semplice, ma non è impossibile. Come tutte le attività, anche questa, ha le sue regole. Se le rispetti ti posso assicurare che il successo è garantito. Ma come ogni cosa ha un costo. Il prezzo per essere un blogger di successo è, oltre all’impegno continuo, l’applicazione e la conoscenza di pratiche e tecniche che daranno al tuo lavoro il meritato successo.

1. L’errore che non devi commettere quando scrivi un articolo

Come ti ho anticipato precedentemente non è facile scrivere un articolo ed essere primi su Google. L’importanza che riveste essere i primi tra i risultati restituiti da un motore di ricerca è fondamentale per far sì che il tuo articolo possa essere letto ed eventualmente condiviso dai tuoi lettori. L’errore che quasi sempre si commette e che dopo aver scritto un articolo lo si pubblica in tutta fretta, pensando: “Beh, era ora che finissi questo articolo me lo stavo trascinando da qualche settimana“. Purtroppo una volta pubblicato, un articolo, è già in viaggio verso i motori di ricerca. Pertanto può essere troppo tardi rivedere e magari modificarne il contenuto o la struttura successivamente alla sua pubblicazione. Quindi prendi tempo e cerca spunti e suggerimenti utili per adattare al meglio il tuo articolo. Crea un tuo stile di scrittura personalizzato che possa servire da guida per la stesura dei tuoi futuri articoli.

2. L’importanza che i motori di ricerca danno ai contenuti

Come tutti sappiamo, Google è il più grande motore di ricerca al mondo: più della metà della popolazione mondiale utilizza Google per trovare qualcosa su Internet. Questo è possibile perché gli algoritmi utilizzati da Google sono in continua evoluzione e si basano su diversi fattori, come ad esempio: il numero di visite di un sito web e il numero di volte consecutive in cui i visitatori ritornano sullo stesso contenuto; il numero totale di link presenti su un sito web; se qualcuno scrive contenuti che contengono errori o se sono ripetitivi o inutili; e tanto altro ancora. Ma ci sono fattori che tengono conto della qualità degli articoli pubblicati sui siti web. Se la qualità di un articolo è ottima il motore di ricerca se ne accorgerà posizionandolo tra i primi risultati restituiti all’utente in fase di ricerca. Puntare ad un contenuto di qualità farà aumentare la tua autorevolezza in rete.

3. La tecnica da utilizzare per scrivere un articolo

È necessario, prima di scrivere un articolo, avere ben chiaro in mente come interagire con tutti questi fattori, ritenuti di fondamentale importanza per un motore di ricerca, per fare in modo che il tuo articolo venga considerato come merita. Quindi come devi muoverti per posizionare il tuo articolo tra i primi risultati su Google?

3.1 Identificare la parola chiave

Beh, innanzitutto, devi considerare che un motore di ricerca è fatto di algoritmi che, per quanto sofisticati, devono necessariamente scansionare tutto il tuo articolo e associarlo ad una determinata frase chiave o parola chiave. Sono sicuro che ne avrai già sentito parlare, ma sono pochi quelli che riescono a scegliere la giusta frase chiave su cui basare l’intero contenuto dell’articolo.

Ora, il problema è questo: “Come faccio ad individuare la frase chiave perfetta per il mio articolo?” Di sicuro non potrai scansionare tutto il web e scoprire manualmente la frase chiave sfruttando la SERP di Google, acronimo di Search Engine Results Page. Per fortuna ci sono degli strumenti in rete, molti di loro sono a pagamento, che ti aiuteranno a scoprire con assoluta certezza la frase chiave meno competitiva e più redditizia per il tuo articolo. Uno di questi strumenti è il “Keyword Research Tool” offerto gratuitamente sul portale “H-Supertool”.

Infatti, una volta raggiunta la pagina web del “Keyword Research Tool”, non devi fare altro che digitare, utilizzando non più di due o tre parole, una frase che rappresenti l’argomento dell’articolo da produrre. In questa fase sarai quanto più generico possibile. Sarà il “Keyword Research Tool” a suggerirti le frasi chiave più adatte al tuo contenuto. La frase chiave sarà tanto più perfetta quanto più alto sarà il valore correlato alle ricerche mensili e quanto più basso quello relativo alla SEO difficulty.

Come scrivere un articolo con la giusta frase chiave
Come scrivere un articolo con la giusta frase chiave

3.2 Come Usare la frase chiave e dove posizionarla

Dopo aver scoperto la frase chiave, non ti resta che inserirla in alcuni punti specifici dell’articolo. Innanzitutto va inserita nell’unico tag H1 presente e che dovrebbe contenere il titolo del post. Meglio se specificata, quanto più possibile, all’inizio del titolo. L’URL o il permalink, se usi WordPress, deve essere quanto più breve possibile e deve contenere, anch’esso, l’esatta frase chiave. La Meta Description, cioè quel breve testo riassuntivo sul contenuto dell’articolo, deve contenere la frase chiave e non necessariamente all’inizio del testo. Dopo di che ripeti la frase chiave nel corpo dell’articolo, senza eccessi. Inoltre, tutte le immagini inserite devono contenere nel tag ALT la frase chiave, anche qui, evitando gli eccessi. Quanto descritto in questo paragrafo è più che sufficiente per dare, al tuo articolo, il giusto livello SEO per ottenere il posizionamento adeguato sui motori di ricerca. Tieni presente che praticare la SEO non è il solo obiettivo da perseguire quando scrivi un articolo, infatti, molta attenzione va dedicata anche al grado di leggibilità che un contenuto web deve avere. Questo è un altro fattore da tenere sempre in mente prima di pubblicare il tuo articolo. Un articolo va pubblicato solo quando ha raggiunto il corretto livello SEO e il giusto grado di leggibilità.


Leggi anche: Come migliorare il posizionamento sui motori di ricerca


A questo punto potrebbe venirti in mente questa domanda: “Come faccio a capire se il mio post ha il giusto livello SEO ed è leggibile?” Beh, stai tranquillo la domanda è lecita, sappi che è possibile. Come? Leggi il prossimo paragrafo e lo scoprirai.

3.3 Lavorare sulla struttura e sulla leggibilità dell’articolo

Se utilizzi WordPress, e io ti consiglio vivamente di farlo se hai un blog, devi fare ricorso ad un Plugin. Il Plugin in questione è Yoast SEO. Questo plugin, tra l’altro disponibile anche in versione gratuita, ti darà la possibilità, dopo aver specificato la frase chiave, di capire se il tuo articolo è scritto correttamente sia in ottica SEO sia rispettando il giusto grado di leggibilità. Questo plugin scansionerà automaticamente, il contenuto del tuo post, evidenziando il corretto grado SEO sfruttando due piccoli semafori. Uno per la SEO e l’altro per il grado di leggibilità ottenuto durante la stesura dell’articolo stesso. Quindi, due semafori verdi stanno ad indicare che il tuo articolo è scritto correttamente e può essere pubblicato senza più remore.

come scrivere un articolo con il plugin Yoast SEO
come scrivere un articolo con il plugin Yoast SEO

3.4 Inserire immagini e link interni al contenuto

Un articolo senza immagini non otterrà mai il giusto apprezzamento sui motori di ricerca. Quindi, inserire immagini, possibilmente compresse e in formato “png”, è una pratica da utilizzare, sempre, per scrivere un articolo perfetto. Come ti ho accennato in precedenza, non dimenticarti di specificare il testo alternativo nell’attributo ALT e di inserirci anche la frase chiave. Tutto questo per ogni immagine incorporata nell’articolo.

Inoltre, l’inserimento di link interni, cioè link ad altri articoli del tuo blog, è di fondamentale importanza. Effettua sempre i giusti richiami ai tuoi contenuti. Questo permetterà al lettore di approfondire l’argomento leggendo altri tuoi articoli correlati. Oltre ai link interni, l’aggiunta di link esterni saranno ben graditi ai motori di ricerca. L’inserimento di link esterni conferirà qualità ai tuoi contenuti.

4. Come indicizzare un articolo

Ora che hai scritto il tuo articolo e ottenuto il via libera da Yoast SEO, puoi dedicarti finalmente alla sua indicizzazione. Da non confondere con il posizionamento sui motori di ricerca. Diciamo che un articolo, dopo essere stato pubblicato, viene indicizzato nel giro di qualche giorno automaticamente dai motori di ricerca. Questo automatismo è ottenuto grazie alla sitemap che ogni blogger indica ai vari motori di ricerca.

Come inserire una sitemap in google search console

La sitemap contiene un elenco completo di tutti gli URL gestiti da WordPress e che Yoast SEO produce automaticamente. Per cui i motori di ricerca, avendo il percorso della sitemap di ogni sito web, ne scansionerà periodicamente gli URL e i rispettivi articoli associati.

come inserire una sitemap in Google Search Console
come inserire una sitemap in Google Search Console

È buona norma, comunque, accelerare questi tempi. Quindi, un bravo copywriter può forzare l’indicizzazione di un URL, dandolo in pasto al motore di ricerca che verificherà la struttura dell’articolo e solo dopo ti permetterà di richiederne l’indicizzazione. Che avverrà in brevissimo tempo e, quasi sempre, dopo qualche minuto dalla richiesta di indicizzazione.

Per forzare l’indicizzazione di un articolo, non ti resta che raggiungere la Google Search Console, incollare nel campo di ricerca l’URL associato, premere il tasto INVIO e cliccare sul pulsante “Testa URL Pubblicato”. A questo punto, Google, verificherà la struttura dell’articolo e solo dopo aver avuto tutte le spunte verdi, potrai cliccare sul link “Richiesta di indicizzazione”. Ad operazione ultimata Google inserirà il tuo articolo, in coda ad altri processi simili, pronto per essere pubblicato e indicizzato.

Forza indicizzazione su Google
Forza indicizzazione su Google

5. L’importanza della condivisione dei contenuti

Dopo aver pubblicato e indicizzato il tuo articolo, sei a metà dell’opera. Questo significa che devi portare traffico su quel contenuto. Ora, per portare traffico su un determinato articolo devi condividere l’URL, o il permalink, che punta all’articolo su tutti i social network su cui possiedi un profilo. Tieni presente che per ottenere il tanto meritato traffico è necessario avere numerosi followers. E se vuoi che il social network richiami l’attenzione di altri utenti sul tuo profilo social, acquisendo i followers necessari per la condivisione dei tuoi contenuti, devi quotidianamente compiere le azioni che ormai tutti i social condividono. Quindi, devi mettere i like, ritwittare e seguire tu stesso altri profili. Vedrai che nel giro di pochi giorni i tuoi followers aumenteranno e potrai anche tu condividere i tuoi articoli.

Tra i social più gettonati e utilizzati, per la condivisione di articoli, non sottovalutare Quora.it. Questo social network è una piattaforma, nata in sostituzione di Yahoo answers (ormai non più operativo), che ha l’obiettivo di condividere contenuti rispondendo a delle semplici domande poste dagli utenti registrati.

Come scrivere un articolo condividendo il contenuto su Quora
Come scrivere un articolo condividendo il contenuto su Quora

Scrivi una breve descrizione dell’argomento descritto nell’articolo, una specie di mini articolo, e poi clicca sul pulsante “Post”. Nel giro di qualche minuto il tuo articolo verrà notificato ai tuoi “seguaci”, così sono chiamati i followers in Quora, e condiviso nella piattaforma a disposizione di tutto il mondo.


Leggi anche: Le migliori App per allenarsi a casa


Antonio Lamorgese

corso base di javascript per principianti

Amministratore di rete e sviluppatore. Dopo anni di esperienza nel settore, ho ideato un sistema di gestione dati MYSQL in PHP senza scrivere una sola riga di codice. Scopri di più....

x