I telefonini per tracciare la diffusione del Covid-19. È una buona idea?

La Cina e la Corea del Sud hanno utilizzato applicazioni per telefoni cellulari per tracciare la diffusione del virus e le persone positive. Comunque sia, gli americani hanno una visione diversa su sicurezza e privacy.

Nel 2011, due ricercatori dell’Università di Cambridge, nel Regno Unito, hanno inventato un metodo intelligente per misurare e tracciare la diffusione dell’influenza stagionale, tramite un’app per smartphone, chiamata FluPhone.

Nel caso in cui avessi mangiato con qualcuno che in seguito si è ammalato, FluPhone te lo avrebbe segnalato. Oltre a ridurre la diffusione dell’influenza stagionale, l’applicazione aiutava  i medici a vagliare e monitorare la diffusione dell’influenza. FluPhone si è distinto in questo tanto che la BBC ha riportato la notizia in prima pagina.

In ogni caso, alla fine meno dell’1 percento degli individui ha raccolto il consiglio di utilizzare questa app.

Mentre l’infezione respiratoria provocata dal Covid-19 invade gli Stati Uniti, alcuni  raccomandano di utilizzare i telefoni cellulari per tracciare e segnalare le trasmissioni. Questo pensiero solleva numerosi problemi, incluso il sistema di funzionamento di questa app, indipendentemente dal fatto che tali dispositivi potrebbero limitare la sicurezza e la privacy delle persone.

I produttori di FluPhone, Jon Crowcroft ed Eiko Yoneki, senza dubbio accettano un’applicazione come questa, in quanto potrebbe aiutare a combattere il coronavirus.

“Le agenzie di assicurazione sulla vita e salute, potrebbero utilizzarle per popolare informazioni cartografiche anonime”, il che potrebbe aiutare a ridurre la trasmissione, afferma Crowcroft. Dice che un’applicazione consentirebbe anche agli scienziati di capire “fino a che punto l’infezione si è diffusa, quale parte della popolazione è asintomatica e dove indirizzare le risorse cliniche di base”.

Motivati ​​dal modo in cui la Cina e la Corea del Sud hanno ovviamente utilizzato i telefoni cellulari per rallentare la diffusione di Covid-19, alcuni tecnici statunitensi hanno iniziato ad interessarsi a questo tipo di applicazioni. Un’iniziativa open source chiamata CoEpi  è stata rilasciata a febbraio simile a FluPhone.

Ramesh Raskar, docente presso il MIT Media Lab, e associati stanno sviluppando un’app che consentirebbe di registrare lo sviluppo e l’evoluzione della malattia confrontandole continuamente con quello di pazienti con coronavirus, utilizzando anche le informazioni fornite dai medici.

Raskar ha dato coraggio ed è stato di supporto agli sviluppatori per lo sforzo, ed è stato continuamente in contatto con l’Organizzazione mondiale della sanità, i Centri statunitensi per il controllo e la prevenzione delle malattie e il Dipartimento della salute e dei servizi umani degli Stati Uniti.

Stefan Germann, CEO della Botnar Foundation, un’associazione svizzera concentrata sul benessere e sull’assistenza ai bambini, ha esortato Raskar. Dice che l’applicazione proposta “ha un solido potenziale è fondamentale reagire rapidamente, ma senza sovraccaricare gli sforzi”.

Altri propongono naturalmente un’innovazione, simile a questa, da aggiungere ai telefoni cellulari. Una lettera aperta sottoscritta da alcune decine di tecnici, amministratori e medici, pubblicata martedì, si è avvicinata al settore tecnologico per fare di più e per combattere il coronavirus. Oltre ad altri argomenti, hanno suggerito ad Apple e Google di aggiornano i sistemi operativi dei telefoni cellulari, per chiedere un eventuale consenso all’utilizzo di app di questa portata.

Tale prospettiva potrebbe consentire a future pandemie di poter essere ancor più contenute.

Dwindle Eckersley, un individuo riconosciuto per l’innovazione presso la Electronic Frontier Foundation e uno dei sottoscrittori della lettera, afferma che dovrebbe essere concepibile mettere in atto un tale sistema senza creare un database nazionale che possa potenziare l’osservazione di governi ed aziende. “I controlli potrebbero avvenire anonimamente sui telefonini” o con una programmazione di sicurezza all’avanguardia ed adeguata al contesto.

La riacutizzazione di Covid-19 sta rapidamente suscitando nuovi modi di affrontare la ricerca, la scoperta di nuove malattie e l’avanzamento dei farmaci. Il tracciamento del cellulare può sembrare una risposta decente per seguire la diffusione, tuttavia è molto lontana dal garantire sicurezza e privacy.

Per certi versi, la natura della trasmissione Covid-19 suggerisce che un’applicazione potrebbe dare un’immagine estremamente approssimativa della diffusione. Normalmente un telefono è pronto ad elaborare la sua posizione con una approssimazione che va da 7 a 13 metri nelle aree urbane. L’infezione del Covid-19 sembra diffondersi tra individui che si trovano a un paio di metri l’uno dall’altro.

Cos’è il Coronavirus?

Il Covid-19 è un virus molto più selvaggio del virus del comune raffreddore.

“Puoi sostare nel raggio di un paio di metri da qualcuno e non essere in pericolo. Nel frattempo puoi entrare in contatto con un sedile del treno recentemente usato da qualcuno con l’infezione molte ore prima ed essere in pericolo”.

I dati errati possono suscitare comportamenti pericolosi dando agli individui la sensazione sbagliata che tutto vada bene.

Inoltre, in ogni caso il 20 percento della popolazione dovrebbe contribuire affinché un’applicazione simile risulti vincente per monitorare una malattia e anticiparne così la diffusione.

“Queste sono domande non banali che avranno un effetto importante sulla fattibilità di un tale sistema e sulla potenziale frenesia che può diffondere”.

Questa settimana la Casa Bianca ha tenuto un incontro con le organizzazioni tecnologiche per sollecitarle ad aiutare il governo a combattere il coronavirus. L’utilizzo da parte del governo di applicazioni di questo tipo in Cina e Corea del Sud non è stato del tutto positivo.

In Corea del Sud, gli specialisti hanno descritto in dettaglio gli sviluppi della malattia in individui contaminati da Covid-19. Il legislatore sta inoltre utilizzando un’applicazione per telefoni cellulari per garantire che gli individui rimangano a casa quando viene loro richiesto di isolarsi.

In ogni caso, può essere utile raccogliere informazioni sui singoli e sull’area esatta. “Monitorare la malattia sul web tramite il telefono è un’operazione preziosa per ottenere un’immagine chiara di ciò che sta accadendo”, afferma John Edmunds, insegnante alla London School of Hygiene and Tropical medicine, che ha usato FluPhone e inoltre ha creato Influenzanet, un framework online per rivelare deliberatamente manifestazioni simili all’influenza utilizzate da un numero enorme di individui in 10 nazioni. Edmunds afferma che Influenzanet ha aiutato i medici a comprendere meglio la diffusione dell’infezione e i fattori di rischio.

Eckersley del FEP riconosce le carenze delle metodologie cinesi e sudcoreane. Allo stesso modo, concorda sul fatto che il cellulare che segue avrebbe funzionato in armonia senza intaccare sicurezza e privacy. Comunque sia, accetta che l’impresa sia giustificata, nonostante tutti i problemi, vista la gravità della circostanza, e chiede che l’industria del software sia di aiuto in tal senso. Infine afferma che:  “Vale davvero la pena di tentare”.

Fonte: https://www.wired.com/story/phones-track-spread-covid19-good-idea/

Seguimi su

Antonio Lamorgese

Amministratore di rete, programmatore ed esperto di pratiche SEO. Dopo anni di esperienza nel settore, ho ideato un generatore di codice PHP Scopri di più su https://www.phpcodewizard.it.