Site icon Antonio Lamorgese

Come convertire MBR in GPT senza perdere dati

Come convertire MBR in GPT senza perdere dati

Il tuo PC ha un disco partizionato MBR? Se vuoi renderlo più performante converti, con l'ausilio di un solo comando, la partizione in GPT.
di Antonio Lamorgese

La conversione di una partizione MBR in una partizione GPT può essere necessaria per sfruttare al meglio le capacità di un disco rigido moderno, in particolare se si supera la soglia dei 2 TB di capacità. MBR (Master Boot Record) è un vecchio schema di partizione che risale a tanti anni fa, mentre GPT (GUID Partition Table) è un sistema di partizione più recente e più avanzato, che offre una serie di vantaggi rispetto a MBR.

Tuttavia, la conversione da MBR a GPT non è sempre un’operazione semplice e richiede alcune precauzioni per evitare di perdere i dati sul disco rigido. In questo articolo, vedremo quindi come convertire un disco MBR in un disco GPT senza perdere dati.

Perché convertire una partizione MBR in GPT

Prima di tutto, è importante capire le differenze tra MBR e GPT. MBR è un sistema di partizione che utilizza una tabella di partizione di 64 byte situata all’inizio del disco rigido. Questa tabella di partizione contiene le informazioni sulle partizioni presenti sul disco, tra cui la loro dimensione, il tipo di file system e l’offset all’interno del disco. MBR può gestire al massimo quattro partizioni primarie, oppure tre partizioni primarie e una partizione estesa, che può contenere ulteriori partizioni logiche.

GPT, d’altra parte, utilizza una tabella di partizione di 128 byte situata alla fine del disco rigido. Questa tabella di partizione contiene le informazioni sulle partizioni presenti sul disco, come in MBR, ma è in grado di gestire un numero maggiore di partizioni e di superare la soglia dei 2 TB di capacità del disco senza nessun problema.

Prima di iniziare

In questa guida esamineremo la conversione da MBR a GPT per sistemi operativi Windows. La conversione può essere eseguita utilizzando un singolo comando. Però, prima di procedere con la conversione, è importante eseguire un backup completo dei dati presenti sul disco rigido, per evitare la perdita di dati in caso di errori accidentali.

Una volta eseguito il backup dei dati, è possibile avviare la conversione utilizzando il comando “mbr2gpt” da prompt dei comandi, eseguito con privilegi elevati. Quindi, apri il prompt dei comandi di Windows, come amministratore, e individua l’ID del disco da convertire. L’operazione è semplice. Basta digitare ed eseguire il comando “Diskpart.exe” e successivamente l’istruzione “LIST DISK”. Una volta individuato l’hard disk annota l’id di appartenenza, dall’elenco, come rappresentato in figura. Se il tuo computer ha solo un hard disk allora il suo ID corrisponderà, sempre, a “0”:

Il comando List disk di diskpart.exe

Preparazione alla conversione in GPT

Prima di avviare è necessario eseguire Il comando “mbr2gpt /validate”. Questo comando di Windows è utilizzato per verificare se un disco può essere convertito dallo schema di partizione MBR (Master Boot Record) allo schema di partizione GPT (GUID Partition Table) senza perdita di dati.

In pratica, il comando esegue una serie di controlli sul disco per garantire che soddisfi tutti i requisiti per la conversione da MBR a GPT. Se il disco non soddisfa i requisiti richiesti per la conversione, il comando restituirà un errore e la conversione non sarà possibile.

Il comando “mbr2gpt /validate” consente di verificare preventivamente se il disco di avvio è compatibile con la conversione. Se il disco non è compatibile, sarà necessario eseguire altri passaggi per preparare il disco per la conversione. Solitamente, e specialmente con computer molto recenti, questo tipo di conversione è quasi sempre fattibile.

Ora, verifica se il tuo disco può essere convertito da MBR a GPT. Pertanto digita il comando, mbr2gpt /validate /disk:xx /allowFullOS, nella finestra del prompt dei comandi di Windows, sostituendo alle “xx” l’id del tuo disco rigido che hai annotato precedentemente:

Mbr2gpt /validate

Se la validazione del disco da convertire viene completata con successo allora puoi proseguire con il comando successivo.

Avvia la conversione da MBR in GPT

Ok ci siamo. Ora puoi avviare la conversione del tuo disco rigido da MBR a GPT digitando il comando “mbr2gpt /convert /disk:xx /allowFullOS” nella finestra del prompt dei comandi e successivamente premi il tasto INVIO. Ricordati di sostituire sempre i simboli “xx” con l’ID relativo al tuo hard disk e che, nel caso in cui il tuo PC ne avesse solo uno, di specificare il valore “0” come ID. Terminata la fase di conversione del disco, il sistema ti suggerirà di impostare, da BIOS, il boot device a UEFI.

mbr2gpt /convert

Quindi, riavvia il computer, accedi al BIOS, premendo il tasto richiesto e, imposta il boot del tuo sistema a “UEFI e LEGACY model”. In sostanza, per non entrare in confusione seleziona la modalità “UEFI” ovunque sia selezionabile. A questo punto salva le modifiche e riavvia il PC. Adesso, il disco rigido del tuo computer sarà stato convertito da MBR in GPT con innumerevoli vantaggi. Ora scoprirai nel dettaglio quali sono i vantaggi che ha apportato questo tipo di conversione al tuo PC.


Leggi anche: Windows 10 lento cosa fare?


I vantaggi di partizionare il disco in GPT

Ci sono diversi vantaggi nell’avere una partizione GPT (GUID Partition Table) invece di una partizione MBR (Master Boot Record):

Maggiore capacità di archiviazione

lo schema di partizione MBR supporta solo 2 TB di capacità di archiviazione massima, mentre lo schema di partizione GPT supporta fino a 9.4 zettabyte, il che significa che la GPT può gestire dischi di grandi dimensioni senza la necessità di dividere i dischi in partizioni più piccole.

Migliore affidabilità

GPT mantiene più copie di tabella di partizione su un disco e utilizza la somma di controllo per ogni tabella per garantire l’integrità del disco. Ciò significa che, in caso di problemi del disco rigido o di corruzione dei dati, è più facile ripristinare le informazioni del disco.

Partizioni multiple e di dimensioni variabili

GPT consente di creare un gran numero di partizioni primarie, mentre MBR consente solo quattro partizioni primarie. Inoltre, con la GPT, è possibile creare partizioni di dimensioni variabili, il che consente di utilizzare lo spazio del disco in modo più efficiente.

Supporto UEFI

GPT è necessario per i sistemi operativi moderni che utilizzano l’interfaccia firmware UEFI (Unified Extensible Firmware Interface). Questa interfaccia sostituisce il BIOS (Basic Input/Output System) e consente il boot del sistema operativo in modalità UEFI.

Supporto per la protezione dei dati

GPT consente di utilizzare la tecnologia di protezione dei dati denominata “EFI System Partition“, che consente di eseguire il boot del sistema operativo in modalità sicura e di proteggere i dati critici del sistema operativo dai virus e da altre minacce.

In sintesi, la partizione GPT offre una maggiore capacità, affidabilità, flessibilità e sicurezza rispetto alla partizione MBR. Pertanto, il tuo computer, ora sarà senz’altro più efficiente e performante di quanto non lo sia stato prima.


Leggi anche: Un comando Javascript poco conosciuto ma molto efficace


Come convertire il disco rigido da MBR a GPT
Exit mobile version